Come utilizzare gli hotspot
In questo articolo

Se ti ritrovi spesso fuori casa e hai bisogno di connettere il tuo dispositivo mobile o portatile a Internet, probabilmente ti sei trovato nella situazione di cercare una rete Wi-Fi disponibile e non trovarne una libera a cui connetterti.

In questo articolo “Come utilizzare gli hotspot”, esploreremo come puoi sfruttare gli hotspot per risolvere questo problema (con qualche cenno storico).

 

Come utilizzare gli hotspot

Gli hotspot consentono di utilizzare la connessione Internet disponibile su un dispositivo per creare un punto di accesso a Internet per altri dispositivi nelle vicinanze.

Vediamo come farlo su diverse piattaforme!

 

connessione wireless hotspot

 

Storia degli Hotspot

Gli hotspot, o punti di accesso wireless a Internet, hanno una storia affascinante che li ha portati da una soluzione tecnologica di nicchia a un servizio ubiquo che influenza profondamente la nostra vita quotidiana. La loro evoluzione è stata alimentata da una crescente domanda di connettività in qualsiasi luogo e momento, spingendo la tecnologia oltre i confini della connessione cablata e aprendo nuovi orizzonti per la comunicazione e la condivisione di dati.

 

Gli Anni ’90: L’Emergenza delle Connessioni Wireless

La storia degli hotspot inizia negli anni ’90, quando la connessione a Internet era principalmente basata su linee telefoniche fisse e moduli dial-up. Era un’epoca in cui la mobilità e la connessione in movimento erano un lusso raro. Tuttavia, gli ingegneri stavano già lavorando su tecnologie senza fili che avrebbero cambiato il panorama delle comunicazioni.

 

Il 1991: Il Primo Passo con l’802.11

Il primo passo significativo verso gli hotspot è stato compiuto nel 1991 con lo sviluppo dello standard IEEE 802.11, noto oggi come Wi-Fi. Questo standard ha gettato le basi per le reti locali wireless, aprendo la strada a una connessione Internet senza fili. Tuttavia, all’epoca, il Wi-Fi era ancora un concetto sperimentale.

 

Gli Anni 2000: La Diffusione degli Hotspot

Gli anni 2000 hanno visto una rapida diffusione degli hotspot in tutto il mondo. Questo è stato possibile grazie all’adozione crescente del Wi-Fi come standard per la connessione senza fili. Le prime reti Wi-Fi pubbliche sono state implementate in luoghi come caffetterie, aeroporti e hotel, offrendo ai viaggiatori la possibilità di connettersi a Internet mentre erano in movimento.

 

Il 2003: Nasce il Termine “Hotspot”

È nel 2003 che il termine “hotspot” è stato coniato ufficialmente per descrivere questi punti di accesso wireless. L’idea di base era quella di creare un luogo “caldo” in cui i dispositivi potessero connettersi a Internet in modo rapido e conveniente. Gli hotspot hanno iniziato a diventare sinonimo di connettività in luoghi pubblici.

 

Il 2010: Gli Hotspot su Smartphone

Con la diffusione dei dispositivi mobili e degli smartphone, gli hotspot hanno acquisito una nuova dimensione. Ora, i telefoni cellulari potevano agire come hotspot personali, consentendo agli utenti di condividere la loro connessione dati con altri dispositivi. Questa caratteristica si è rivelata estremamente utile per coloro che cercavano di rimanere connessi durante i viaggi o in luoghi sprovvisti di connessione Wi-Fi.

 

Oggi: Gli Hotspot Come Servizio Onnipresente

Oggi, gli hotspot sono diventati un servizio onnipresente, disponibile in molti luoghi pubblici e privati. Si trovano in caffetterie, ristoranti, stazioni ferroviarie, aeroporti, biblioteche e molto altro ancora. Con la proliferazione di reti Wi-Fi pubbliche e la disponibilità di dati mobili ad alta velocità, gli hotspot hanno reso Internet accessibile praticamente ovunque.

Inoltre, la tecnologia degli hotspot è stata fondamentale per la crescita di settori come il telelavoro, le videochiamate e l’Internet delle cose (IoT). Gli hotspot sono diventati uno strumento essenziale per rimanere connessi in un mondo sempre più digitale.

 

Informazioni preliminari hotspot

 

Informazioni Preliminari

Gli hotspot possono essere suddivisi in due categorie principali: pubblici e privati. Gli hotspot privati vengono creati su dispositivi personali come smartphone e tablet per fornire accesso a Internet ad altri dispositivi.

Gli hotspot pubblici, invece, sono spesso situati in luoghi pubblici come piazze e non richiedono necessariamente una password per l’accesso.

 

È importante notare che gli hotspot pubblici non sono sempre sicuri, quindi è consigliabile utilizzare un servizio VPN per proteggere i tuoi dati quando li utilizzi.

 

Come Usare Hotspot su PC Windows

Collegarsi a un Hotspot su PC Windows:

Per collegarti a un hotspot, segui questi semplici passaggi, simili a quelli che adotteresti per qualsiasi altra rete wireless:

  1. Fai clic sull’icona di rete situata vicino all’orologio (quando il computer non è connesso, questa icona assomiglia a un globo terracqueo).
  2. Nel caso fosse necessario, fai clic sull’icona del Wi-Fi per attivarla.
  3. Su Windows 10, aspetta qualche istante affinché i nomi delle reti disponibili siano visualizzati sullo schermo. Su Windows 11, clicca sul simbolo “>” accanto al pulsante Wi-Fi per vedere le reti disponibili. Nelle edizioni precedenti di Windows, il Wi-Fi è di solito attivo di default, a meno che tu non l’abbia disattivato manualmente. In tal caso, puoi riattivarlo seguendo le istruzioni disponibili in questa guida.
  4. Ora, seleziona il nome dell’hotspot a cui desideri connetterti.
  5. Fai clic sul pulsante “Connetti”.
  6. Se richiesto, inserisci la chiave di rete fornita per quell’hotspot e premi “Invio” per confermare.
  7. Se non desideri che il tuo computer si colleghi automaticamente a quell’hotspot in futuro, assicurati di deselezionare la casella “Connetti automaticamente” prima di cliccare su “Connetti”.

 

In alcuni casi, dopo la connessione, potrebbe aprirsi automaticamente una finestra del browser per l’accesso al server RADIUS integrato, utilizzato per la protezione dell’accesso alla rete. Talvolta, potresti dover aprire manualmente questa finestra e collegarti a una pagina specifica fornita di solito dal gestore dell’hotspot.

 

Creare un Hotspot su PC Windows:

La procedura per creare un hotspot su un computer con sistema operativo Windows, che sia Windows 10 o Windows 11, è altrettanto diretta e intuitiva.

Ecco come farlo:

  1. Inizia aprendo le Impostazioni del sistema operativo. Puoi farlo premendo contemporaneamente i tasti Win+I sulla tastiera o facendo clic sull’icona dell’ingranaggio nel menu Start.
  2. Una volta all’interno delle Impostazioni, fai clic sulla sezione “Rete e Internet” che troverai nella barra laterale.
  3. Ora, cerca e seleziona “Hotspot mobile”. Nel caso in cui la barra dei menu fosse nascosta, cerca l’icona dell'”hamburger menu” (solitamente composta da tre linee orizzontali) e clicca su di essa per espandere il menu.
  4. Nella sezione Hotspot mobile, troverai diverse opzioni. Inizia selezionando il menu a tendina “Condividi la mia connessione Internet da” e scegli la connessione attualmente attiva sul tuo computer, che può essere sia Wi-Fi che Ethernet.
  5. Ora, sposta l’interruttore su “Condividi la connessione Internet tramite Wi-Fi” o assicurati che la voce corrispondente sia spuntata.
  6. Clicca sul pulsante “Modifica” per personalizzare le impostazioni dell’hotspot. Qui puoi assegnare un nome alla rete hotspot che stai creando e inserire una password per proteggerla.
  7. Nel menu a tendina “Banda della rete” (se disponibile), puoi scegliere la banda di frequenza preferita per il tuo hotspot, che può essere 2.4 GHz, 5 GHz o qualsiasi altra disponibile.
  8. Una volta completate tutte le impostazioni desiderate, premi il pulsante “Salva”.
  9. Per attivare l’hotspot appena creato, basta spostare l’interruttore situato accanto alla voce “Hotspot mobile/Condividi la connessione Internet con altri dispositivi” su “Attivato”.
  10. Se desideri che l’hotspot si disattivi automaticamente quando tutti i dispositivi collegati sono stati disconnessi, trova l’opzione “Risparmio energia” e attiva l’interruttore accanto alla voce “Se non sono connessi dispositivi, disattiva automaticamente l’hotspot mobile”. In alternativa, puoi disattivare manualmente l’hotspot spostando l’interruttore in cima allo schermo su “Disattivato”.

 

È importante notare che nelle versioni precedenti di Windows, la funzione hotspot potrebbe non essere integrata nel sistema operativo. In tal caso, puoi utilizzare software appositi come VirtualRouter per creare un hotspot sul tuo PC Windows.

 

Come Usare Hotspot su Mac

Collegarsi a un Hotspot su Mac:

Per connetterti a un hotspot utilizzando un Mac, è un processo semplice e familiare, simile a collegarti a qualsiasi altra rete Wi-Fi.

Ecco come farlo:

  1. Clicca sull’icona multifunzione di macOS o sull’icona della rete situata vicino all’orologio.
  2. Posiziona il cursore sulla voce “Wi-Fi” e fai clic sul simbolo “>” che appare accanto ad essa.
  3. Assicurati che l’interruttore denominato “Wi-Fi” sia attivato, e se non lo è, attivalo.
  4. Seleziona il nome dell’hotspot al quale desideri collegarti dalla lista delle reti disponibili.
  5. Quando richiesto, inserisci la chiave di rete (password) necessaria e premi il tasto “Invio” per confermare la connessione.
  6. Se nelle vicinanze è presente un iPhone o un iPad associato allo stesso ID Apple utilizzato sul tuo Mac, puoi semplicemente fare clic sul suo nome per stabilire la connessione, senza dover inserire una password.
  7. Una volta connesso con successo, se si tratta di un hotspot pubblico con protezione RADIUS, potresti dover aprire un browser e utilizzare la pagina web fornita per completare l’accesso e iniziare a navigare in Internet.

 

Questo processo semplice e intuitivo ti permette di connetterti a hotspots Wi-Fi con facilità utilizzando il tuo Mac.

 

Creare un Hotspot su Mac:

Trasformare il tuo Mac in un hotspot è più semplice di quanto tu possa immaginare. Tuttavia, con macOS, c’è una limitazione importante da tenere presente: non puoi creare un hotspot Wi-Fi quando il tuo Mac è già connesso a una rete Wi-Fi.

Puoi invece condividere la connessione Ethernet o Thunderbolt tramite Wi-Fi, e viceversa.

 

Ecco come farlo:

  1. Apri le “Impostazioni di Sistema” facendo clic sull’icona dell’ingranaggio nel Dock o selezionando l’opzione “Impostazioni di Sistema” dal menu Apple.
  2. Nelle Impostazioni di Sistema, fai clic su “Generali” nella barra laterale di sinistra.
  3. Ora, seleziona “Condivisione” dalla lista delle opzioni.
  4. Troverai il riquadro “Condivisione Internet” all’interno del nuovo pannello che si apre. Fai clic sull’icona “(i)” situata accanto.
  5. Scegli la connessione da condividere dal menu a tendina, ad esempio “Ethernet”.
  6. Indica il tipo di hotspot da creare spuntando una delle opzioni disponibili nel riquadro “Ai computer che usano”, ad esempio “Wi-Fi”.
  7. Se hai scelto di creare un hotspot Wi-Fi, clicca su “Opzioni Wi-Fi…”, inserisci la tua password amministrativa del computer e personalizza le impostazioni, come il nome della rete hotspot, il canale, la cifratura e la password di accesso. Se non sei sicuro, puoi lasciare le impostazioni predefinite per la cifratura e la password.
  8. Una volta configurate le opzioni, fai clic su “OK” e “Fine”.
  9. Per attivare l’hotspot, sposta l’interruttore su “ON” accanto a “Condivisione Internet” e conferma l’avviso che appare sullo schermo. Per disattivare la condivisione di Internet, sposta l’interruttore su “OFF”.

 

Se possiedi un Mac di un modello più anziano, la procedura potrebbe variare leggermente. In tal caso, dopo aver aperto le “Preferenze di Sistema”, fai clic sull’icona “Condivisione” e personalizza il tuo hotspot seguendo le stesse istruzioni. Quando sei pronto, spunta l’opzione “Condivisione Internet” per attivarla.

Con queste semplici istruzioni, puoi facilmente condividere la tua connessione Internet con altri dispositivi utilizzando il tuo Mac come hotspot.

 

Come Usare Hotspot su Dispositivi Android

Collegarsi a un Hotspot su Android:

Se desideri collegarti a un hotspot utilizzando il tuo smartphone o tablet Android, il processo è estremamente semplice.

Ecco come farlo:

  1. Per prima cosa, apri le “Impostazioni” di Android. Puoi farlo toccando l’icona dell’ingranaggio, che potresti trovare nella schermata principale o nell’elenco delle app. In alternativa, puoi aprire l’area delle notifiche del sistema operativo e toccare l’icona del Wi-Fi in modo prolungato per accedere direttamente alle impostazioni Wi-Fi.
  2. Abilita la funzione Wi-Fi, se non è già attiva, spostando l’interruttore su “ON”.
  3. Attendere che l’hotspot di tua scelta appaia nell’elenco delle reti disponibili. Non appena lo vedi, toccalo per selezionarlo.
  4. Inserisci la password dell’hotspot nel campo “Password” e quindi tocca il pulsante “Connetti”.

 

Se si tratta di un hotspot pubblico con protezione tramite sistema RADIUS, potrebbe aprirsi automaticamente il browser predefinito e visualizzare la pagina per l’immissione delle credenziali.

 

Creare un Hotspot su Android:

Trasformare il tuo smartphone o tablet Android con scheda SIM in un hotspot Wi-Fi (o Bluetooth) portatile è altrettanto semplice. Assicurati prima di tutto che la connessione dati cellulare sia abilitata sul tuo dispositivo.

Puoi farlo aprendo l’area delle notifiche di Android e toccando l’opzione “Rete dati”, “Conn. cellulare”, “Dati” o simile e assicurandoti che sia attiva.

Ecco come creare un hotspot Wi-Fi:

  1. Apri le “Impostazioni” di Android.
  2. Vai alle sezioni “Rete e Internet” > “Hotspot e Tethering” e tocca “Hotspot Wi-Fi” se desideri creare un hotspot Wi-Fi.
  3. Utilizza le opzioni visualizzate sullo schermo per scegliere il nome dell’hotspot e impostare la relativa chiave di rete.
  4. Alcune versioni di Android potrebbero offrire ulteriori opzioni, come la selezione del canale e della banda preferita (ad esempio, 2,4 GHz). Assicurati di configurare queste opzioni secondo le tue preferenze.
  5. Per attivare l’hotspot, torna al menu “Rete e Internet” (o “Rete mobile”) > “Hotspot e Tethering” (o “Hotspot personale”) e attiva l’interruttore chiamato “Hotspot mobile” o simile.

 

Tieni presente che i passaggi precisi possono variare leggermente a seconda della versione specifica di Android in uso sul tuo dispositivo.

Puoi fare riferimento alle guide specifiche per il tuo dispositivo, ad esempio su come creare un hotspot su Samsung, Huawei o Xiaomi, per ulteriori dettagli.

 

Come Usare Hotspot su iPhone

Utilizzare Hotspot su iPhone:

Se possiedi un iPhone, creare un hotspot è un’operazione semplice che puoi eseguire direttamente dalle impostazioni di iOS/iPadOS. Ecco come farlo:

  1. Apri le “Impostazioni” del tuo iPhone, toccando l’icona dell’ingranaggio nella schermata principale o nella Libreria app.
  2. Tocca la voce “Wi-Fi” e, se necessario, attiva l’interruttore in cima al pannello.
  3. Ora, seleziona il nome dell’hotspot dalla lista delle reti disponibili.
  4. Inserisci la chiave di rete, se richiesta, nel campo “Password”.
  5. Tocca il pulsante “Accedi” per stabilire la connessione.

 

Se l’hotspot è protetto da un sistema RADIUS, verrà automaticamente aperta una pagina web in cui potrai inserire le tue credenziali.

 

Creare un Hotspot su iPhone:

Per trasformare il tuo iPhone (o iPad con SIM dati) in un hotspot Wi-Fi, segui questi semplici passaggi:

  1. Verifica che la connessione di rete cellulare sia attiva. Puoi farlo aprendo il Centro di Controllo di iOS/iPadOS (effettua uno swipe dall’angolo in alto a destra verso il basso o dal basso dello schermo verso l’alto sugli iPhone con il tasto Home). Assicurati che l’icona della rete cellulare sia colorata di verde o blu. In caso contrario, toccala per attivare i dati della SIM.
  2. Se desideri condividere la connessione di iPhone con altri dispositivi Apple associati allo stesso ID Apple, non è necessario fare nulla di più. Posiziona il tuo iPhone vicino al dispositivo che desideri connettere, e l’hotspot verrà automaticamente riconosciuto nella lista delle reti Wi-Fi disponibili, senza richiedere una password.
  3. Se vuoi condividere la connessione di iPhone con dispositivi non Apple, vai alle “Impostazioni” > “Hotspot personale” di iOS. Se desideri cambiare la password predefinita, tocca “Password Wi-Fi” e inserisci una nuova password. Puoi anche attivare l’opzione “Ottimizza la compatibilità” per consentire la connessione ai dispositivi che supportano solo le reti Wi-Fi a 2,4 GHz.
  4. Attiva l’interruttore chiamato “Consenti agli altri di accedere” per attivare l’hotspot.

 

Puoi anche attivare o disattivare l’hotspot tramite il Centro di Controllo di iOS. Basta effettuare un tocco prolungato sull’icona di hotspot personale (rappresentata da due rettangoli sovrapposti) per abilitarlo o disabilitarlo.

L’hotspot può essere condiviso tramite cavo o Bluetooth.

 

Utilizzo dell’Hotspot con Smart TV

Se non hai accesso a una connessione in fibra, ADSL o FWA, ma vorresti utilizzare il tuo telefono come hotspot per il tuo Smart TV, non preoccuparti: è un processo più semplice di quanto si possa pensare.

Tutto quello che devi fare è attivare l’hotspot sul tuo dispositivo, seguendo una delle procedure indicate in precedenza, e quindi collegare il tuo televisore alla rete Wi-Fi generata dal dispositivo.

 

Tuttavia, è importante fare attenzione, poiché molte delle attività che potresti voler eseguire sul tuo Smart TV, come lo streaming di contenuti e il download di aggiornamenti, richiedono una quantità considerevole di dati.

Pertanto, dovresti considerare questa opzione solo se disponi di un piano dati con traffico illimitato o se hai impostato preventivamente un limite di consumo dati sul tuo telefono o tablet.

 

Collegarsi a un hotspot

 

Conclusioni

In conclusione, utilizzare gli hotspot può essere una soluzione comoda per connettersi a Internet quando non si dispone di una rete Wi-Fi disponibile.

Seguendo le indicazioni fornite per la tua piattaforma specifica, sarai in grado di utilizzare o creare un hotspot in modo efficace.

 

In questo modo non rimarrai senza internet mentre sei in una zona con poco campo per fare ricerche per il Nome perfetto per il tuo brand o per saperne di più sull’Etichettatura conto terzi

Rimani aggiornato su altri articoli del nostro ” Kuestion: il Blog di Karma Design “.

 

Articoli Correlati